Copyright
I contenuti di questo sito sono soggetti a copyright.
Leggi le note legali

La Riserva Naturale Speciale del Lago di Pergusa utilizzata come aula

mag 20

Scritto da:
20/05/2018  RssIcon

Tanti gli scolari che nell’arco della primavera si sono succeduti in visite guidate presso la Riserva Naturale Speciale “Lago di Pergusa”, nell’ambito del progetto annuale di Educazione allo Sviluppo Sostenibile “Biodiversità: valorizziamo le nostre risorse!”, condotto dall’Università “Kore” di Enna nelle Scuole. Questo Progetto è patrocinato dal Libero Consorzio Comunale (ex Provincia) di Enna ente gestore della Riserva, dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, dal Servizio 11 Territorio di Enna del Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale, dal Comune di Enna, dall’Accademia Pergusea, dalle Società AcquaEnna e ATO Idrico, dalla SRR e da Enna Euno.

Gli alunni, seguiti dalla biologa della “Kore” Rosa Termine, dopo lezioni ex cathedra ed aver effettuato laboratori di sperimentazione in classe per comprendere il significato di biodiversità, hanno continuato il loro approfondimento sul campo al Lago di Pergusa, scrigno di biodiversità.

I primi a visitare il Lago sono stati gli alunni della scuola primaria dell’I.C. “Santa Chiara”, diretto da Maria Concetta Messina, che, accompagnati dalle insegnanti Maria Madonia e Maria Carmela Pitta, hanno focalizzato la loro attenzione sulle piante dell’area mediterranea, delle quali hanno potuto osservarne diverse lungo il percorso “Riva dei Giunchi”.

Poi è stata la volta degli alunni della scuola primaria dell’I.C. “F. P. Neglia-N. Savarese”, diretto da Anna Marmo, che, accompagnati dalle insegnanti Francesca Barresi e Maria Miccichè, hanno utilizzato l’Area di Birdwatching per l’osservazione dei volatili senza disturbarli; inoltre, hanno potuto osservare diverse le piante, tra cui l’Euforbia cespugliosa, l’Euforbia cornuta, l’Orchidea degli omini nudi e l’Anemone dei fiorai.

Anche gli alunni della scuola primaria dell’I.C. “E. De Amicis”, diretto da Filippo Gervasi, accompagnati dalle insegnanti Maria Teresa Bevilacqua, Giacoma Digrigorio, Filippa Di Dio, Marcella Gugliara, Marcella Fontanazza, Isabella Lipiani, Maria Notarrigo, Daniela Rabiolo e Maria Scaduto, hanno esplorato la Riserva, riuscendo ad osservare anche il Pollo sultano dall’Area di Birdwatching ed imparando a riconoscere  diverse piante; al Parco Proserpina hanno osservato anche il tasso (nella nostra Isola presente in natura solo sui Nebrodi), interessante pianta che in Sicilia rappresenta un relitto della flora delle glaciazioni dell’Era Quaternaria.

Gli studenti della scuola secondaria di primo grado del Plesso “G. Pascoli” (dell’I.C. “Santa Chiara”), accompagnati dagli insegnanti Lina Caltagirone, Livia Fontanazza, Sandra Mingrino, Luigi Nigrelli e Maria Scillia, hanno approfondito tematiche relative alle principali minacce alla biodiversità, comprese alcune azioni per neutralizzarle.

Un’Area Naturale Protetta ha un ruolo importante anche nella divulgazione dei temi della tutela della biodiversità, contribuendo così al cambiamento culturale che rappresenta l’indispensabile motore per azioni che possano sviluppare un futuro più sostenibile da qualsiasi punto di vista. Inoltre, un’Area Naturale Protetta rappresenta un laboratorio all’aperto dove i bambini possono sperimentare parte di quanto imparato a scuola” ha dichiarato la biologa della Kore.

Il progetto si concluderà il prossimo 22 maggio al Parco Proserpina (Pergusa) dove verrà celebrata la Giornata Internazionale della Biodiversità 2018.

Tags:
Categorie:
Posizione: Blogs Parent Separator riserve news
dummy